LA TERAPIA MIRATA A BERSAGLIO MOLECOLARE PER IL MELANOMA

Questa terapia è detta anche target therapy e consente un trattamento specifico e selettivo mirato a correggere la mutazione genica che è causa della malattia attraverso l’inibizione o la stimolazione del bersaglio molecolare tipicamente alterato in quella determinata malattia.
Nello sviluppo del melanoma sono coinvolte più mutazioni geniche. Individuare la mutazione genica alla base della malattia è fondamentale perché ogni mutazione predispone alla risposta ad una specifica terapia.

Ai fini della terapia a bersaglio molecolare le mutazioni del gene BRAF sono state identificate come le più frequenti e più importanti. Oggi sono disponibili farmaci basati sul meccanismo d’azione che consiste nell’inibizione in maniera selettiva la forma mutata di una proteina chiamata BRAF. Questo bersaglio è tutt’altro che raro, si riscontra infatti in oltre la metà dei casi di melanoma metastatico ed è la mutazione più comune in questo tumore della pelle. Dal momento che, nella sua forma mutata, è presente solo sulle cellule malate, BRAF è un obiettivo ottimale per terapie mirate che possano preservare il più possibile le cellule sane.

QUALI SONO GLI EFFETTI COLLATERALI?

Le reazioni alla terapia mirata a bersaglio molecolare variano da soggetto a soggetto e di solito possono essere facilmente controllate con appositi farmaci.
Gli effetti collaterali più frequenti sono dolori articolari, stanchezza, arrossamento cutaneo, caduta dei capelli, formazione di calli alle mani e piedi prurito, secchezza della pelle e fotosensibilità.
Per alleviare l’intolleranza alla luce del sole è bene evitare di esporsi ai raggi solari anche involontariamente. Un effetto collaterale importante è lo sviluppo di cheratosi, alterazione dell’epidermide, che aumenta di spessore formando un’escrescenza di colore bruno-grigiastro, dall’aspetto simile a una verruca, e di altre formazioni cutanee, tra cui anche il carcinoma a cellule squamose, che deve essere rimosso chirurgicamente. Comunque, queste lesioni hanno decorso benigno.